ortodonzia2

Ortodonzia
Lo studio Botto si occupa di diagnosi, prevenzione e terapia dei disallineamenti dentali, dei disturbi di crescita dei mascellari e dei difetti di sviluppo della dentizione, dalla nascita alla maturità. Per ottenere una corretta occlusione e un allineamento estetico si può ricorrere a tutti i dispositivi meccanici e funzionali: apparecchi mobili, fissi, semifissi, espansori rapidi, “baffi”, eccetera.

Ortodonzia bambini
Oltre ai trattamenti preventivi e alle terapie di contrasto alla malocclusione, lo studio Botto utilizza il ventaglio più ampio di tecniche ortodontiche, comprese terapie chirurgiche, ecc.

Ortodonzia adulti
Gli apparecchi ortodontici sono oggi molto confortevoli rispetto al passato. Apparecchi invisibili sono diventati accessibili a tutti i pazienti.

Gnatologia
Lo stress degli adulti spesso si sfoga in digrignamenti notturni che usurano e scheggiano la dentizione. Da qui la fortuna di supporti come i “bite”, placche di svincolo che preservano i denti e permettono un appoggio corretto alla mandibola e la conseguente decontrazione dei muscoli interessati. Esistono bite rigidi, morbidi, semimorbidi, e i loro risultati possono influire su uno spettro molto ampio di patologie.

Endodonzia
Lo studio Botto prevede l’impiego di tecniche combinate, ad esempio con frese in titanio e tecnologia Laser. Uno dei vantaggi del Laser è quello della perfetta eliminazione dei tessuti necrotizzati dalle aree di intervento. Altra tecnica combinata è quella che prevede un sistema di condensazione verticale con coni di guttaperca per la perfetta occlusione dei micro canali secondari.

Conservativa
Lo studio Botto pratica il 90% dell’odontoiatria conservativa con l’impiego di Laser, ovvero senza ricorrere all’anestesia. Il laser è poco invasivo, permette di non demolire tessuti sani e di intervenire solo attorno alle aree effettivamente interessate. Per le otturazioni vengono utilizzati i composti ceramici più performanti disponibili sul mercato.

Parodontologia
Il Laser si impiega con successo sia nelle lesioni piccole come le tasche parodontali, che in lesioni importanti. Il suo uso combinato con l’apparecchio a ultrasuoni chirurgico permette ad esempio di evitare il rischio di lesioni ai nervi.